In Italia l’amianto è ancora molto diffuso e continua a minacciare salute e ambiente, nonostante 26 anni fa sia stato messo al bando con la legge 257/92. In base ai dati 2018 sono state censite in Italia 370mila strutture dove è presente amianto ed eternit, di queste 50.744 sono edifici pubblici, 214.469 edifici privati e 20.296 siti industriali.

All’oggi quindi moltissimi tetti di fabbricati civili, agricoli e industriali sono formati da lastre in fibrocemento contenente amianto ed è quindi necessario affidarsi a dei professionisti esperti e regolarmente abilitati secondo normative vigenti inerenti alla bonifica e allo smaltimento di amianto.
La legge impone infatti criteri precisi sulle metodiche di rimozione e smaltimento e su chi può effettuare questi interventi. Solo gli specialisti autorizzati possono dunque intervenire.

La Gandellini Beniamino è specializzata nella rimozione e smaltimento dell’amianto dagli Anni 90. L’azienda è iscritta all’albo nazionale dei Gestori Ambientali Classe 10A autorizzazione n° MI04485 per l’esercizio delle operazioni di raccolta e trasporto dei rifiuti pericolosi, per cui è in grado di garantire con mezzi propri il trasporto immediato in discarica autorizzata e soprattutto nel completo rispetto delle Normative vigenti.